LA PORTA DEL CIELO È PICCOLA PICCOLA XXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (B)-Fra Umberto Panipucci


LA PORTA DEL CIELO È PICCOLA PICCOLA
XXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (B)
LC 13, 22-30-

+In quel tempo, Gesù passava insegnando per città e villaggi, mentre era in cammino verso Gerusalemme.
Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?».+

Quella della “Salvezza dell’anima” è una preoccupazione che sempre ha interessato le culture avvicendatesi nel corso dei millenni. Da quando esiste l’homo sapiens, infatti, esistono anche i culti funebri volti a “salvare” la vita ultraterrena di chi conclude il suo pellegrinaggio terreno.
Le idee degli Ebrei a riguardo non sono mai state univoche, non esiste infatti una dottrina giudaica ufficiale a riguardo, tanto oggi quanto allora. C’è da dire che nel secondo libro dei Maccabei, ai versetti 12,43-45, c’è un chiaro riferimento a un culto espiatorio rivolto ai defunti. La stessa scrittura ci fa sapere come all’epoca c’era chi credesse nella resurrezione ( i Farisei, cfr. Atti 23, 6) e chi invece sosteneva che tutta l’esistenza dell’individuo si esaurisse in questo mondo (i Sadducei). Tuttavia sono presenti, nell’Antico Testamento, fondamenti biblici che Gesù stesso ritiene saldi e cita per sostenere la dottrina da Lui predicata (cfr. Mc 12, 27). Il tale a cui accenna l’evangelista Luca, se da un lato manifesta attraverso la sua domanda una qualche fede nella resurrezione, dall’altro esprime la sua preoccupazione sulla difficoltà di ottenerla, una paura molto diffusa anche fra i cristiani di oggi, questo rende attualissimo il tema proposto dal Vangelo. Un altra ipotesi è che il “tale” fosse un fariseo intenzionato a far cadere Gesù in contraddizione. Se Gesù avesse risposto “si” avrebbe implicitamente disconfermato la possibilità di salvezza universale, che lui stesso predicava perdonando peccatori pubblici (gli “scomunicati” di allora). Se la risposta fosse stata “no”, avrebbe invece vanificato gli sforzi di chi cerca la santità ogni giorno, con fatica e tribolazione.

+Disse loro: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno.+

la risposta di Gesù non tarda ad arrivare, la Salvezza non può essere una preoccupazione secondaria nella nostra esistenza. Il fatto che la Divina Misericordia sia sconfinata, non ci preserva dai pericoli dell’anima. L’immagine della porta stretta potrebbe rifarsi dall’uso di costruire un’entrata molto piccola accanto a quella più ampia, in modo che ci potesse passare una persona per volta e solo con lo stretto necessario. Espediente molto utile se si considerano il pericolo di attacchi da parte di briganti e nemici, ma essa rappresenta anche la porta attraverso cui passavano i poveri e gli umili nella città. Tale similitudine ci fa capire come la via della conformazione a Cristo non è facile e che prevede uno sforzo continuo nel corso della nostra vita, dobbiamo focalizzarci su ciò che è necessario, diventare umili. Senza santità non c’è profezia ne testimonianza e il mondo resta privo di Luce. Chi fa un cammino di Fede deve anelare alla perfezione che ci indica Cristo. L’esistenza del cristiano deve essere un continuo desiderio di santità che deve farci sentire “pellegrini e forestieri”, come diceva San Francesco nella sua regola bollata. Non siamo mai “arrivati”, ne saremo mai “apposto”, quindi “l’oggi” è il Kairos, ovvero: il momento giusto per scegliere Cristo! Il Maestro fa capire a quell’uomo che non è tanto importante chiedersi se sia difficile o facile entrare nel numero degli eletti, ma piuttosto bisogna ben percepire quanto sia urgente intraprendere e rinnovare il nostro sforzo nella conversione.

+Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, voi, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: “Signore, aprici!”. Ma egli vi risponderà: “Non so di dove siete”. Allora comincerete a dire: “Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze”. Ma egli vi dichiarerà: “Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!”.
Là ci sarà pianto e stridore di denti, quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, voi invece cacciati fuori. Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi».+

Questa forte esortazione ha lo scopo di indurre ad un sano timore in chi si sente già nel numero dei salvati. Molti erano convinti che il solo appartenere al popolo eletto, a una sua esclusiva setta o movimento bastasse ad avere tutte le carte in regola. In pratica si vuole evitare che la Salvezza venga compresa come una condizione ottenuta passivamente (elezione) o per un principio di causa effetto (applicazione della legge). Ciò portava a una interpretazione della Verità sterile e legalista che diventava a poco a poco pura ipocrisia, principalmente perchè rendeva la vita eterna un bene irraggiungibile ai più, considerati impuri ed indegni dell’Amore di Dio. Gesù ci fa sapere che il suo Regno resterà inaccessibile a chi non condivide il progetto di amore e misericordia verso tutti gli uomini. Dopotutto, se Dio è Amore, come potrà essere riconosciuto nell’altra vita da chi l’amore non lo conosce? E che ne sarà di chi nutre odio e disprezzo verso il prossimo? Come potrà essere perdonato chi non perdona? Come potrà la vita dimorare in chi ha la morte nel cuore? Il regno dei cieli non è per i burocrati dello Spirito, ma piuttosto per chi nutre gli stessi sentimenti di Cristo. Se il legalismo “spiritualoide” ha già i suoi criteri infallibili per giudicare i “buoni” e i “cattivi”, Gesù ci rende noto che alla fine dei tempi le sorprese non mancheranno, sia per chi si crede primo, sia per chi si giudica ultimo. Molto interessanti sono anche gli spunti metafisici a cui si prestano questi versetti. I dannati vedono la gioia degli eletti, non sono dunque in un altro luogo. Ciò conferma come l’inferno, il purgatorio e il paradiso, siano uno stato dell’essere e non dei luoghi. Ciò che fa la differenza fra dannati e beati è il loro rapporto con Dio. E chi sta in mezzo? Ovvero, la maggior parte di noi? La Chiesa cattolica crede che le anime perfettibili attraversino una fase di purificazione da tutto ciò che è incompatibile con la beatitudine celeste (Il cosiddetto purgatorio, cfr. 1Cor 3, 13-15), perché libere dagli ingombri che gli impediscono di attraversare la porta stretta, possano finalmente entrare nella città celeste. La porta del cielo è sempre aperta, ma il passaggio rimane stretto: la conformazione a Cristo.

Felice Domenica.

FRA UMBERTO PANIPUCCI

PER PUBBLICITA’
contatti/info:
pugliadaamareonline@gmail.com
Categorie: Tag: ,

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...