Giorno Fuori Dal Tempo: Tra arte e spiritualità


Giorno Fuori Dal Tempo

20258073_1765472393480333_2749082143936354757_n


Giorno Fuori Dal Tempo
Se si vince l’indifferenza si conquista la pace.
La pace, nel segno della speranza, per il futuro di ogni uomo e ogni donna, di ogni famiglia, popolo e nazione del mondo, come pure dei Capi di Stato e di Governo e dei Responsabili delle religioni.

Non perdiamo, infatti, la speranza che il 2017 ci veda tutti fermamente e fiduciosamente impegnati, a diversi livelli, a realizzare la giustizia e operare per la pace. Sì, quest’ultima è dono di Dio e opera degli uomini. La pace è dono di Dio, ma affidato a tutti gli uomini e a tutte le donne, che sono chiamati a realizzarlo.

TRA ARTE E SPIRITUALITA’
LA STORIA

Nicholas ed Elena Roerich ambirono a essere artisti nel senso più pieno del termine, rincorrendo la visione leonardesca dell’uomo universale che vede e vuol conoscere il mondo a tutto tondo. Si deve loro tributo, non solo per la produzione artistica di grande sensibilità, ma anche per essere stati artefici assieme ad altri di quel processo definito: “Risveglio Globale”.

Scevri da ogni forma di fanatismo, come in genere conviene a chi desidera conoscere in profondità gli elementi che congiungono gli esseri umani, e le loro diverse forme di sapere, riuscirono mediante il loro lavoro artistico e educativo, a coniugare filosofia, religione e arte.

La peculiare qualità della loro espressione è una prova tangibile della raffinatezza della loro percezione; Nicholas ed Elena Roerich, fondarono in Russia il primo tempio buddista e diffusero l’insegnamento dell’Agni Yoga.

Ammirati da Rilke, e Kandinsky per gli elementi spirituali della loro arte, intesa come l’elemento di congiunzione volto a collegare artisti di diverso credo religioso e politico, riuscirono, mediante la comunicazione del loro senso della bellezza, a stabilire scambi e legami creativi; giacché bellezza e conoscenza, hanno il potere di creare un linguaggio sincero e coesivo.

Nicholas autore di meravigliosi dipinti, attualmente custoditi a New York, presso la fondazione Roerich, e in Russia presso il museo Roerich. Elena a sua volta, autrice di scritti di Teosofia, una corrente mistico religiosa nata dall’unione di induismo e buddismo, la quale afferma che tutte le espressioni religiose partono da un unico comune denominatore.

La scuola Teosofica tra l’alto annoverò tra i suoi discepoli molti altri artisti: Piet Mondrian, Wassily Kandinsky, Paul Gauguin, Constantin Brancusi, Theo van Doesburg, Johannes Itten, Walter Gropius, Robert Delauney, Aleksandr Skryabin, Arnold Schoenberg, Paul Klee, Franz Marc, Boris Pasternak, Aleksandr Blok, T. S. Eliot, solo per citarne alcuni.

Tutti i grandi pionieri del Modernismo d’altronde, furono coinvolti nel movimento teosofico o nelle sue diramazioni, come Mark Rothko e Jackson Pollock che furono entrambi istruiti alle discipline spirituali orientali.

Tuttavia la cosa fa spesso torcere il naso ai critici, i quali non amano troppo considerare l’importanza di questo tipo di formazione nel lavoro degli artisti citati. I motivi sono molteplici tra cui; la difficoltà di comprensione dei testi teosofici, e la generale tendenza a separare la spiritualità dall’arte.

Alla fine però, un aspetto così importante della sensibilità artistica di questi artisti è diventato uno scomodo segreto di cui è meglio non parlare.Elena e Nicholas Roerich posero l’accento alla stregua di Skryabin o Kandinsky su quanto l’arte possa essere uno strumento potente nella trasformazione del mondo, e in tal guisa, l’artista può essere inteso come messia, profeta, o mago, il cui lavoro si prefigge di comunicare i più alti livelli di conoscenza e verità al mondo.

Ma le menti sono infettate dalla disperazione e dalla sfiducia, dalla mancanza d’ideali e di scopi; l’incubo del materialismo degradando la vita dell’universo ad un malefico, inutile gioco, è divenuto un grande deterrente per l’evoluzione spirituale ed artistica dell’umanità, e come una gabbia si stringe progressivamente intorno allo spirito e lo stritola.

Roerich, Mondrian Kandinsky, Skryabin ecc. hanno esortato gli artisti a indagare tutte le possibili implicazioni della propria arte, ritenendole un contributo di grande qualità per la costruzione di una strada verso il cielo.

Nel caso specifico di Elena e Nicholas Roerich, il loro insegnamento si sintetizza nei tre pilastri fondamentali di: Amore, Bellezza e Azione. L’Amore è il motore dell’Universo e mira alla realizzazione di una bellezza altruistica, quando si riesce ad applicare la nozione di “ Bellezza”, in ogni momento della vita, cercando ovunque nell’Universo, ispirazione e armonia. L’Azione a sua volta è la conseguenza dell’unione di Amore e Bellezza.

Secondo gli insegnamenti dell’Anagni Yoga, dal quale furono fortemente ispirati; se manchiamo nel percepire tale bellezza, la colpa va ricercata nel mal funzionamento e nella distorsione delle nostre percezioni, poiché la bellezza è sempre presente ovunque, e attende di essere colta come un fiore.Nella pratica dell’Anagni Yoga s’impara a vedere e sentire ciò che deve essere corretto circa il nostro modo di vivere, affinché sentimenti e pensieri possano giungere a un costruttivo sviluppo nel mondo fisico al servizio dell’umanità.

Un altro importante contributo di Nicholas Roerich fu la firma del “Patto Roerich”; nel 1935 firmò un trattato presso la Casa Bianca, che si prefiggeva di proteggere tutti i tesori culturali presenti al mondo. Per l’occasione Roerich creò la bandiera della Pace, un vessillo su cui appaiono tre globi, rosso magenta, racchiusi all’interno di un cerchio altrettanto rosso, rappresentare l’unione del passato, del presente e del futuro dell’umanità.

Roerich sperò immensamente che questo simbolo divenisse una sorta di Croce Rossa culturale e umanitaria per proteggere i tesori dell’umanità durante i conflitti, pienamente convinto che arte e obiettivi culturali avrebbero colmato le differenze fra i popoli.

Un pittore occidentale avrebbe potuto per esempio, imparare da un pittore cinese, e in questo modo avrebbe creato un ponte di conoscenza e umanità. Mediante il tentativo di immergersi nella bellezza e nella conquista di una diversa maestria nel gestire forme e contenuti artistici a fino a quel punto a lui sconosciuti, avrebbe aperto la porta ad un nuovo modo percepire e a nuove modalità di conoscenza, in modo rispettoso e sincero.

Giacché secondo Roerich, bellezza e conoscenza, sono gli artefici di un linguaggio sincero in grado di abbattere le barriere tra gli uomini e le nazioni, e assieme alla pace ottenuta mediante la collaborazione a livello internazionale, sono gli ingredienti fondamentali per la sopravvivenza dell’umanità.

“Un ramoscello d’ulivo”

Un Ramoscello d’ulivo
serrato nel becco
vola sul mondo assetato d’amore

bianca colomba di pace segno dell’anima pura
librati felice dona la speranza di vita viva e vera

quel tenero ramoscello d’ulivo
strappato dal possente albero si levi sugli uomini
come simbolo di un infinito e struggente grido
eterno amore di pace universale .
Crescenza Caradonna


20293000_868257446676685_5938254548185958325_n


L’appuntamento è per
Martedì 25 LUGLIO 2017

dalle Ore 16,30 alle 20,30 presso
la PARROCCHIA DI SAN MARCO
– Via Caldarola, 50 BARI –


 
 14657391_1420509134643329_7173136876532228085_ncontatti/info:     cresy.caradonna@gmail.com
Annunci

One thought on “Giorno Fuori Dal Tempo: Tra arte e spiritualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...