ARTESTI e CARTOGRAFIE Opere di Luciano Ponzio


14731122_1441436249217284_1607869435088552785_n


 a cura di Crescenza Caradonna

Puglia da amare Quotidiano d’informazione


ARTESTI e CARTOGRAFIE
Opere di Luciano Ponzio


Inaugurazione della mostra ARTESTI e CARTOGRAFIE opere di Luciano Ponzio

Venerdì 3 marzo 2017, ore 19.00.
MUSEO CIVICO DI BARI
Strada Sagges, 13.
Mostra visitabile dal 3 al 20 marzo 2017

«Le tele di Luciano Ponzio sono come tavolozze di cielo in cui le nuvole, le leggere forme quasi autonome dal disegno, si incamminano e non arrivano, si arrotondano, e non c’è alcuna realtà da definire, ma tutto si conduce verso com-movimenti non sintagmatici del segnare non indicativo del vortice espressivo dell’insieme del testo: paradigma di un ritrovamento per equivalenze contigue che familiarizzano l’occhio a ritrovarsi nella percezione non abitudinaria del disperdere la vista. La quale è aiutata dai colori a rimanere folgorata nel voler condursi senza fermarsi all’atto mentale del decifrare.
Decifrare, interpretare, comprendere senza voler allontanarsi dal codice figurativo della scrittura: il figurativo di Luciano Ponzio è a-immaginale, per troppo immaginativo, per indeterminazione di immaginazione, che dona forma alla linea andante nel non allinearsi, ma comporre le direzioni elementari del non concludersi, perché nel non concludere è il piacere della rappresentazione: “opera aperta” di segni, di richiami, di evocazioni, di fruizioni, di possibilità da rintracciare nelle tracce linee sfocate nel dentro dei colori» (Carlo Alberto Augieri).


L'immagine può contenere: una o più persone

“Quotidiano di Puglia”



«Situato in una sorta di “mappatesto”, potremmo immaginare il testo di scrittura come parte mutevole di un continente (pittorico, letterario, filosofico che sia), fuori registro, non inquadrabile nelle tradizionali cartografie, non inscrivibile entro mappature di territori ideologici tracciati “a squadro”. Un testo è un testo di scrittura quando è estraneo ed esterno ad ogni confine territoriale, privo di frontiere ideologiche; un testo costellato di scrittura vagabonda, senza dimora, senza posa; un testo praticamente inclassificabile secondo le tipologie dell’ideologia dominante; un testo non denominabile, che non si lascia trattenere, che non annuisce alla sua lettura, paradossalmente illeggibile, un testo che la lingua non riesce a consumare» (Luciano Ponzio).

Dall’introduzione al catalogo delle opere pittoriche di Luciano Ponzio, Artesti e cartografie – due lustri di scritture senza dimora (2005-2015), Edizioni dal Sud, Bari, 2016.


L'immagine può contenere: sMS

“La Gazzetta del Mezzogiorno” 3/4/2017


 

 


14962659_1453951154632460_4213684562502786162_nLa Redazione
Puglia da amare Quotidiano d’informazione

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...