IL BUONGIORNO_di Crescenza Caradonna


14731122_1441436249217284_1607869435088552785_n



 

 

Puglia da amare Quotidiano d’informazione
04 GEN mercoledì 2017

Aleppo prima e dopo

 

A mezzanotte del 29 dicembre (le 23 in Italia) è entrato in vigore in Siria un cessate il fuoco, raggiunto con la mediazione della Russia e della Turchia, che apre la via a dei negoziati di pace. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani è avvenuto qualche isolato episodio di violenza, ma non tale da mettere a rischio l’accordo, annunciato il 29 dicembre dal presidente russo Vladimir Putin e confermato dal governo siriano e dall’opposizione in esilio.

Secondo le Nazioni Unite, dal 2011 il conflitto in Siria ha causato almeno 310mila morti e un milione di profughi. Uno dei simboli della distruzione del paese è la situazione della seconda città siriana, Aleppo, che durante il primo anno di guerra non era stato luogo di scontri e proteste. Ma poi, dal luglio del 2012, è diventata uno dei principali campi di battaglia, finendo per essere divisa in due: la parte ovest controllata dal governo e quella orientale dai ribelli. Il 23 dicembre 2016 l’esercito di Damasco ha annunciato la riconquista totale della città.

Alcuni delle luoghi simbolo di Aleppo sono stati gravemente danneggiati dalla guerra. La Cittadella, risalente al tredicesimo secolo, è stata usata dalle forze filogovernative come roccaforte e quindi è stata più volte bombardata dai ribelli. La scuola Al Shibani e il centro commerciale Shabha, un tempo punti di incontro per i cittadini, sono adesso rasi al suolo e deserti.

da http://www.internazionale.it/

a cura di Crescenza Caradonna
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...